Articoli

Sempre più italiani prestano attenzione all’alimentazione sana. Infatti, a partire dal 2017 si è registrato un trend in continua crescita: al momento d’acquisto sempre più persone danno importanza alla presenza logo biologico in etichetta*. Questo significa che, giustamente, sempre più persone hanno iniziato a porre la giusta attenzione all’etichetta dei prodotti alimentari.

Ma a che cosa ci riferiamo davvero con il logo biologico?

Quando si parla di prodotto “biologico-SANO” è fondamentale considerare il tipo di produzione da cui quell’alimento deriva: proviene da un’agricoltura estensiva o da un’agricoltura intensiva?

La differenza è sostanziale: nell’agricoltura intensiva  si impiega molta energia proveniente da processi industriali, mentre l’agricoltura estensiva reimpiega la materia sotto forma organica. Rispetta il terreno e il ciclo biologico della Natura senza “forzarlo” utilizzando la naturale fertilità del suolo. Infatti, pratica la rotazione delle colture e utilizza preparati vegetali, minerali e animali, quindi non di sintesi chimica, come sostegno alla coltivazione.

In particolare, le caratteristiche dell’agricoltura estensiva sono:

  • assenza di terrazzamenti e di altre
  • lavorazioni
    del suolo,
  • ridotto utilizzo di macchinari agricoli,
  • maggiore efficienza del lavoro,
  • migliore benessere di piante e animali,
  • basso utilizzo di fertilizzanti,
  • nessun utilizzo di OGM.

Scegliere un’agricoltura estensiva significa rispettare il terreno e il ciclo biologico della Natura, promuovere la biodiversità, contribuire a migliorare la qualità della vita, rispettare l’agricoltore, ridurre le emissioni di gas serra.

Perché è importante sostenere il “biologico-SANO”?

Dopo una coltivazione intensiva perpetrata per anni, ora risulta necessario migliorare la qualità dei suoli e recuperarne tutti i nutrienti. Inoltre, è necessario continuare ad acquisire maggiore consapevolezza delle proprie scelte alimentari comprendendo a fondo ogni possibile ripercussione. Tutto ciò potrà verificarsi solo se ci sarà garanzia di trasparenza e di completa informazione da parte delle persone responsabili di creare cultura alimentare. Il futuro riserva molte sfide per gli agricoltori e per i consumatori, ma noi siamo fiduciosi!

 

Vuoi mangiare anche tu biologico? Ti basta un click per iniziare!

Vuoi ricevere il listino prodotti? Iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi informazione contattaci a: info@sanpiox1708.it

Per saperne di più sui nostri prodotti, visita il nostro sito e seguici su Facebook e Instagram.

 

*Osservatorio Immagino

Assaporare tutto il gusto del cibo è possibile anche seguendo semplici consigli per una sana nutrizione. Infatti, si può trarre beneficio psico-fisico dai nostri regimi nutritivi creandosi delle sane abitudini, senza dover fare delle rinunce alimentari drastiche o programmarsi ogni pasto nei minimi dettagli! In che modo? Stando attenti ad alimenti potenzialmente dannosi nelle nostre diete, come il sale.

Il sale è molto diffuso tra le nostre tavole, ma non è un segreto che possa essere nocivo per la salute del nostro organismo. I suoi effetti malsani sono dovuti principalmente alla componente di sodio. Precisamente, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ritiene che la quantità massima di sale assumibile al giorno sia di 5 grammi – più o meno un cucchiaino –  equivalenti a 2 grammi di sodio. Tuttavia, è stato riscontrato che il nostro istinto ci spinge a cercare la sapidità nei cibi, rendendo i percettori di questo alimento inaffidabili e creando un “circolo vizioso della sapidità” dove un aumento eccessivo del consumo di sale, diminuisce la percezione di sapidità nei pasti successivi. 

Inoltre, nell’alimentazione di oggi il sale è presente nella grande maggioranza di cibi che mangiamo, soprattutto in quelli artificiali. Non stupisce quindi che, come affermano recenti ricerche in Italia, il consumo medio giornaliero di sale è pari a circa 11 grammi per gli uomini e 10 g per le donne. Dati piuttosto allarmanti, se si considera che un consumo eccessivo di sodio favorisce l’instaurarsi dell’ipertensione arteriosa. Infatti, l’aumento di pressione causato dal sodio fa aumentare la possibilità di ictus cerebrale e di alcune malattie cardiache e renali. In particolare, le persone più a rischio sono quelle che non assumono abbastanza potassio, contenuto nelle verdure. Bisogna quindi cercare di ritornare ad una sana nutrizione per ripristinare tutto il sapore del gusto vero ed originale.

È dunque importante avere la possibilità di sostituirlo con un ingrediente più salutare. Per questo motivo, SAN PIO X Az. Agr. dal 1708 risponde a questa esigenza proponendo la linea ESSENZASALE

A differenza del normale sale da cucina, NON contiene sodio e fornisce la naturale sapidità ai cibi. Tutto questo grazie alla lavorazione di un’accurata selezione di Erbe Aromatiche e Vegetali, già naturalmente ricchi di Sali minerali. Gli ingredienti provengono esclusivamente da una produzione artigianale secondo gli standard del biologico-SANO e limitata dalla effettiva resa del campo.

Come usarlo? Facile! Distribuisci il contenuto a pizzichi. Basta un CUCCHIAIO al giorno per assumere la giusta quantità di Sali minerali naturali di cui il corpo necessita!

La linea degli ES•SENZA•SALE comprende 3 diverse soluzioni:

♦ FORMULA n. 2 composto da Sedano, Santoreggia, Dragoncello, Rosmarino: è indicata principalmente per insalate e pietanze cotte come carni, verdure cotte, sughi, impasti…

♦ FORMULA n. 3 composto da Finocchio, Santoreggia, Dragoncello, Timo: è indicata principalmente per pesce, molluschi, crostacei, ma anche verdure crude e cotte e legumi.

♦ FORMULA n. 4 composto da Zucca, Maggiorana, Origano: è indicata principalmente per paste ripiene, tortelli, torte salate.

Tutti gli ES•SENZA•SALE sono la giusta alternativa all’uso spregiudicato di sale, ma grazie alle 3 FORMULE puoi scegliere quella più adatta ai tuoi pasti!

 

Leggendo ti sei reso conto che mangi troppo sale? Ti basta un click per rimediare!

Vuoi ricevere il listino prodotti? Iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi informazione contattaci a: info@sanpiox1708.it

Per saperne di più sui nostri prodotti, visita il nostro sito e seguici su Facebook e Instagram.

 

 

L’alimentazione rappresenta un aspetto fondamentale nella vita quotidiana di ognuno di noi. Infatti essa svolge un ruolo essenziale per il funzionamento del nostro organismo, fornendo l’energia sufficiente che permette al nostro corpo di rimanere forte e sano. Tuttavia, molto spesso l’alimentazione viene trascurata per vari motivi, e ciò comporta effetti negativi che nel lungo termine possono influenzare la salute e la qualità della nostra vita. Anche se mangiare sano non dovrebbe rappresentare una sfida troppo complicata, la molteplicità di “diete” popolari e l’aumento dei nuovi trend alimentari rischiano solo di causare ancora più confusione riguardo la corretta alimentazione. In effetti, queste tendenze spesso distolgono la nostra attenzione da ciò che è veramente importante: il rispetto dei principi nutrizionali di base. 

Ti è mai capitato di sentirti un po’ sopraffatto da tutti questi consigli di alimentazione e dieta in conflitto là fuori? Se si, tranquillo, non sei solo, ed è proprio per questo che abbiamo deciso di proporti alcuni dei nostri consigli per poter migliorare la tua alimentazione. Seguire una sana alimentazione non significa per forza cimentarsi in qualche rigidissima dieta, digiunare oppure spendere un’infinità di ore all’interno della cucina. Bastano piccoli accorgimenti per iniziare a cambiare il proprio stile di vita!  

Ecco i 5 consigli per un’alimentazione equilibrata

  1.Variare la propria alimentazione

Bisogna fornire al nostro corpo tutti i nutrienti e sostanze di cui ha bisogno per svolgere in maniera ottimale tutte le proprie funzioni. Variare la propria alimentazione non significa solo alternare diversi cibi, bensì capire i contenuti nutrizionali dei singoli alimenti, il fabbisogno giornaliero e in che momento della giornata bisognerebbe assumerli. Questa variazione alimentare non serve solo per assumere tutti i principi nutrizionali necessari, ma è anche un ottimo metodo per evitare un’alimentazione monotona.

2.Mangiare cibi stagionali

Uno dei motivi principali per utilizzare cibi stagionali è sicuramente il gusto. I prodotti stagionali sono molto più buoni e saporiti rispetto a quelli coltivati nelle grandi serre riscaldate ed illuminate artificialmente, dove tra l’altro vengono utilizzati additivi e fertilizzanti che possono potenzialmente danneggiare la nostra salute. Inoltre, consumare frutta e verdura seguendo la stagionalità significa acquistare prodotti contenenti la massima espressione di nutrienti, ricchi di vitamine e sali minerali in quanti raccolti nel loro periodo di maturazione. Con la nostra linea Preparati per PRIMI PIATTI diamo la possibilità di assaporare ortaggi di stagione tutto l’anno, con lo stesso gusto, colore, aroma e proprietà delle verdure appena raccolte.  Utilizziamo esclusivamente verdure di nostra produzione, raccolte nel periodo di maturazione idoneo e subito deidratati; in questo modo mantengono intatte tutte le proprietà organolettiche, le quali si concentrano e vengono rilasciate durante la cottura.

3. Moderare il consumo di sale

Anche se non lo aggiungiamo al nostro piatto, il sale è presente in quantità eccessiva nella maggior parte del cibo che mangiamo, e questo porta ad un eccesso pericoloso per il nostro benessere. L’uso sproporzionato di sale infatti può condurre a malattie cardiovascolari e sbalzi di pressione.  La soglia giornaliera, secondo l’Organizzazione Mondiale della Salute, dovrebbe essere sotto i 5 grammi, ma purtroppo la maggior parte di noi ne consuma almeno il doppio. Di conseguenza, moderare il consumo di sale non rappresenta più un optional, ma diventa a tutti gli effetti un obiettivo primario per tutti noi.  Per dare un sapore forte ai nostri piatti, invece del sale possiamo utilizzare le spezie, ad esempio i semi di finocchio, la paprika, il peperoncino oppure erbe aromatiche, come per esempio i prodotti della nostra linea ES·SENZA·SALE. Questa linea contiene una selezione di erbe aromatiche e vegetali naturalmente ricche di sali minerali, senza sale aggiunto, che forniscono la naturale sapidità ai cibi.

4. Limitare cibi ricchi di zuccheri

Quanto spesso senti il bisogno di mangiare qualcosa di dolce? Una, due o tre volte al giorno? Consumare zucchero di volta in volta va bene, ma quando le quantità diventano eccessive, sottoponiamo inconsapevolmente il nostro corpo a enormi rischi. Lo zucchero si nasconde purtroppo in quasi tutti i prodotti disponibili sul mercato, non solo nei dolci e nelle bevande gassate. Per preservare la propria salute bisogna scegliere di soddisfare il nostro appetito in modo giusto e naturale, consumando per esempio frutta fresca o secca, miele oppure dolci preparati in casa con le giuste ricette.

5. Mangiare in tranquillità

Secondo diversi studi scientifici (Martin C. 2004), mangiare più lentamente può portare a una maggiore sensazione di pienezza e sazietà. Riuscire a prendersi quei 20/30 minuti per pasto diventa quindi fondamentale. E poi, che gusto c’è? Non dimentichiamoci che il cibo esiste per essere apprezzato e goduto. Mangiare più lentamente, assaporare ogni boccone ed essere acutamente consapevoli dei gusti e delle consistenze del cibo che si sta mangiando dovrebbero far parte della nostra quotidianità.

 

Vuoi ricevere il listino prodotti? Iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi informazione contattaci a: info@sanpiox1708.it

Per saperne di più sui nostri prodotti, visita il nostro sito e seguici su Facebook e Instagram

 

Fonte: Martin, C. “Does Slower Eating Rate Reduce Food Intake? Results of an Empirical Test” presented at the North American Association for the Study of Obesity 2004 Annual Scientific Meeting, Nov. 14-18, 2004, Las Vegas.